sky of turin ( ciel su Torino)

Tecnica mista, acrilico, gesso su pannello di compensato, 150 x 110 (2008).

 

Questa è uno delle opere danneggiate durante il nubifragio e conseguente allagamento del 13 Settembre 2008. La superficie si presentava con tracce consistenti di fango, il disfacimento della cromia…

Ha richiesto un intervento di restauro lungo e molto impegnativo: la pulitura, il consolidamento del supporto, la stuccatura delle lacune, la reintegrazione della parte gessosa, la ri-prefugurazione delle forme, sfumature acriliche e fissaggio.

________________

Torino, città surreale, tra luci ed ombre del cielo notturno… Affiora con preponderanza la sagoma del grattacielo, una presenza inquietante che sconvolge la Torino descritta su "Il silenzio e l'insolito”.

La visione che emerge è chiara: un paesaggio antropizzato in cui è evidente la negazione delle premesse territoriali per la tutela l’ambiente e lo spazio pubblico, il passato e la sua storia… con la conseguente perdita della memoria dei luoghi e, talvolta dei luoghi stessi.

Related Posts:

Categories

Member Gallery
stefano rollero

About stefano rollero

 

 

Rollero Stefano (Caselle Torinese, 16 marzo )  è un pittore italiano autodidatta.
Sempre ancorato al suo umile operato, orgoglioso di essere nato come artista autodidatta,come esempi decisamente incoraggianti di grandi maestri del '900.

Si è avvicinato alI'arte alla fine degli anni Settanta. Negli anni '90 partecipa attivamente con il gruppo del Maestro Pippo Ciarlo di Torino a progetti tematici.
Elemento costante è  la sua spiccata propensione alle scelte sperimentali sia da un punto di vista formale che contenutistico e alla messa in discussione di valori dati.
 Il  mezzo  espressivo  di Rollero è strumento d'indagine dell'interrelazione tra arte e mondo circostante, e che senza costrizioni di categorie spaziano da influenze sociali, culturali fino a quelle più intimiste.
 Dalla sua arte del collage evocativo, approda con opere totalmente dipinte, dal forte riporto materico ed esistenziale, da cui emerge un ampio linguaggio, e con il quale si concretizza la sua notevole creatività. Si spazia liberamente attraverso la sintesi dell'elemento naturale e di quello mentale.

Si tratta di un'arte per la filosofia, la storia, le evocazioni che le opere di Rollero sanno trasmettere, richiamare, anticipare e catturare al numeroso pubblico di appassionati ed estimatori dell'Arte Contemporanea. Co-fondatore del "Gruppo Pittori dello Scalo" di Caselle Torinese, sono innumerevoli le sue partecipazioni a mostre collettive, eventi, convegni.

(Antonio Zappia)

Comment